Chuck Berry (1926 - present)

Neppure se mi sforzassi per mesi o per anni riuscirei a tributargli tutta la mia gratitudine e la mia devozione. Per cui neppure ci provo.
Tanto lo sapete già chi è stato Chuck Berry senza bisogno che ve lo dica io.

Fu colui che traghettò il Rock'n'Roll da mero ribellismo giovanile a stile di vita. Rapinando quel che gli capitava e seducendo minorenni. Nobilitando la chitarra elettrica e raccontando con ritmo e con classe le peripezie della sua generazione.
Inventò un modo di stare in scena ancor prima che arrivasse Elvis, e pretese sempre di esser pagato per qualunque posa assumesse.

Un pioniere del rock.
Un inventore del rock.

Poco altro sarebbe successo se non fosse esistito.


Qualche giorno fa qualcuno mi ha detto che è morto, ma è ovvio che mente.
Chi è figlio del Rock, non muore mai. 

1 commento :

claudio65 ha detto...

E Chuck Berry davvero vivrà per sempre nelle sue immortali canzoni, una delle quali, la più bella di tutte "Johnny B. Goode" addirittura vaga nello Spazio a bordo del Voyager (non è una battuta, è la pura verità: la NASA la inserì tra i memorabilia del Pianeta Terra) e se qualche extraterrestre la ascolterà sono convinto che non riuscirà a stare fermo e comincerà a ballare. Tutti i rocker che sono venuti dopo di lui, sia fossero "beat", sia "prog", sia "punk", "new wave" e "grunge" gli devono qualcosa. Hanno detto che è stato il "padre del rock'n'roll". No, di più, è stato il vero padre del ROCK, a tutto tondo.