Gruppo 2001: L'Alba di domani (1972)

gruppo 2001 L'alba di domani 1972

Formato nel 1971 in Sardegna, il quintetto del Gruppo 2001 arriva in sala d'incisione nello stesso anno rilasciando un 45 giri per l'oscura etichetta King ("Avevo in mente Elisa" "Quella strana espressione").

Tanto melodici quanto estremamente quadrati e professionali, i cinque partecipano poi al "Disco per l'Estate 1972" ottenendo un buon successo con "Messaggio", brano elegantemente sospeso tra musicalità romantiche e piccole impennate ritmiche in classico stile anni '70.

Forte del riconoscimento ottenuto, la band ottiene immediatamente tutte le credenziali per passare al formato Long Playing: sempre per la King e sempre con la stessa inossidabile formazione che, almeno dai cognomi dei componenti, palesa la sua evidente estrazione regionale: Salis, Carrus, Corazza e Solinas.

"L'alba di domani", questo il titolo dell'album lascia impressionati almeno per i primi sei minuti perchè il micidiale attacco Prog del brano "Maggio", sembra quasi far supporre di trovarsi davanti alle migliori bands dell'epoca, con tanto di alternanze melodiche, micro-assoli e maestosi cori degni dei Delirium.

GRUPPO 2001: L'Alba di domani 02Infelicemente, il sogno dura poco e la vena melodica del gruppo si manifesta senza compromessi a partire dal secondo brano, lasciando dell'iniziale parvenza innovativa solo qualche timida traccia.

Si discostano dalla sdolcinatezza generale solo "L'Alba di domani" e "Volo d'angelo": pezzi dalla struttura talmente particolare e moderna, da non essere ascrivibili a nessuna scuola: ma in questo senso, si sa, i Sardi sono sempre stati geniali.

Restano poi "Una bambina… una donna", "Paesaggio", ""Padre Vincenzo", la dolce e bellissima "Denise" e la celebrata "Messaggio" a certificare inequivocabilmente la vena sentimentale del gruppo.

GRUPPO 2001: L'Alba di domani 03Piccola nota ancora per "Sa Danza", versione Prog di un ballo Sardo: interessantissima per l'epoca, ma dallo sviluppo troppo breve (un minuto e dodici secondi) per essere valutata in un contesto storico.


Dopo il flop dell'album che disorientò non poco i fans della band, il "Gruppo 2001" rientrerà nei ranghi canonici proseguendo il suo percorso romantico e dando alla luce ben sei quarantacinqe giri di cui uno ancora con la King, tre con la Mercury e due per l'etichetta di Lucio Salis, "La Strega".Dell'"Alba di Domani" resterà solo un ricordo per gli ammiratori dei cinque ottimi musicisti Sardi e un rarissimo album, oggi molto costoso e ricercato persino in Giappone.

3 commenti :

Armando ha detto...

Questo l'ho preso da poco su ebay in cd, direttamente from Korea!
Condivido la tua analisi, ci sono spunti non banali (le tastiere e le parti vocali), anche se rimane sbilanciato verso una dimensione più leggera. Carino però.
Certi momenti, come "Volo d'angelo", ricordano Battisti e Battiato, non trovi?
Poi c'è da aggiungere che il cantante Piero Salis (quanti Salis nella musica sarda!) si metterà in proprio come Piero Marras: ricordo un suo piccolo successo, "Una serata in rima", quello che tutti ricordano come "Diglielo tu Maria".
Ciao.

sp3ctrum ha detto...

Il 45 giri "Per un momento" lo possiede mio padre originale comprato all'epoca! frugando ieri sul sito, ho scoperto che mio padre ne ha davvero tanti di dischi rari!!

JJ John ha detto...

Per esempio?