Triade: La storia di Sabazio (1973)

Triade 1998: la storia di SabazioIl locale alternativo “Space Electronic” venne inaugurato nel 1969 con il “Concerto n° zero” di Dik Dik e New Trolls e fu uno dei punti di riferimento dell’avanguardia fiorentina degli anni ’70.

Ispirato all’Electric Circus di New York, era arredato con specchi, mobilia metallizzata, luci psichedeliche e dotato di ben due palcoscenici che ospitarono tra gli altri Atomic Rooster, Van der Graaf Generator e Canned Heat. Il tutto per non citare i nostri PFM, Fholks, Formula Tre, Nuova Idea e i Triade.

E fu proprio tra le sue mura che nel 1972 si formò il primo nucleo di questi ultimi grazie all’incontro tra il tastierista diciottenne Vincenzo Coccimiglio e il ventiquattrenne bassista Agostino Nobile, reduce dal gruppo dei “Noi Tre” in cui erano transitati anche il futuro chitarrista degli Area Paolo Tofani e Franco Falsini dei Sensation’s Fix.

Ferventi sostenitori dello schema “tastiere, basso batteria” sul modello degli EL&P di cui si erano innamorati nel corso della loro tournee italiana, i due musicisti faticarono molto per trovare un batterista all’altezza dei loro progetti, anzi: capitò addirittura che qualche candidato abbandonasse indignato le audizioni perchè le parti da eseguire erano troppo complicate.
Alla fine la spuntò Giorgio Sorano che invece si dimostrò in grado di soddisfare tutte le esigenze dei suoi futuri colleghi e nacquero così i Triade, nome che Coccimiglio scelse ispirandosi al principale accordo della scala maggiore occidentale e che tra l’altro, calzava perfettamente a un trio.

Dopo qualche mese di rodaggio dal vivo in cui il terzetto suonava principalmente covers di gruppi stranieri, nel 1973 l’incontro con il produttore Elio Gariboldi che rimase incantato dall’abilità dei musicisti, fruttò in soli tre giorni un contratto con la discografica Derby a distribuzione CGD, producendo come risultato l’unico album della band pubblicato nello stesso anno: “La storia di Sabazio(nome mutuato da Bacco, il Dio del vino e della vendemmia).

Triade Rock Progressivo ItalianoSin dall’inizio, Gariboldi trattò molto bene i Triade al punto che non solo creò la Derby praticamente apposta per loro, ma fornì ai musicisti sia un lauto “premio d’ingaggio”, sia ogni ben di Dio di strumentazione, compresi un Mellotron e un gigantesco Gong.

In più, Gariboldi reclutò anche in sala d’incisione il fonico di Mina che pur non essendo abituato al rock progressivo, aveva comunque una notevole esperienza tecnica.

Poi, giusto per rimanere a un certo livello, si pensò inizialmente di far disegnare la copertina del disco a Guido Crepax (lo stesso illustratore di “Nuda” dei Gaybaldi), ma infine si optò per Florinda Sodano, moglie del batterista, che propose di realizzare una cover completamente dorata in cui sarebbero apparsi il nome della band, il titolo, una testa stilizzata richiamante la struttura del gruppo e una ballerina anch’essa stilizzata.
L’idea venne accettata e vennero prodotti immediatamente tre tester di prova: uno ramato, uno argentato e uno d’oro zigrinato.
Alla fine si decise per una copertina in oro liscio che fu quella effettivamente pubblicata, ma senza l’immagine della ballerina ritenuta eccessiva.

Triade Coccimiglio Nobile SoranoDopo la pubblicazione del trentatrè giri, il gruppo si rivelò assai dinamico dal vivo, suonando sia come opening act del Banco, della PFM e di Battiato, sia come gruppo stand alone mietendo notevoli consensi, specie grazie a una serie di performances al Salone Pielombardo di Milano (oggi: “Teatro Franco Parenti”) in cui emerse la notevole verve scenica di Coccimiglio che dei tre, era l’unico che si truccava, che aveva i capelli lunghissimi e faceva un live act decisamente dinamico sulla falsariga di Keith Emerson e Vincent Crane.

Purtroppo però, al buon gradimento dal vivo non corrispose altrettanta attenzione commerciale all’LP che, alla resa dei conti, si rivelò una lama a doppio taglio un po’ per l’incisione non del tutto equilibrata e un po’ a causa della disposizione dei brani.
Sabazio” infatti consisteva in due facciate molto dissimili tra loro. La prima ospitava due suites strumentali firmate da Coccimiglio che ben mettevano in risalto la sua passione per gli EL&P (in particolare in “Nascita” e “Il circo”) e per i grandi classici da Chopin a Mussorsgskji.
La seconda invece, annoverava invece tre sofisticate ma più leggere composizioni cantate di Nobile di cui due ("1998" / "Caro Fratello") uscirono anche su 45 giri.

Triade Sabazio labelDue lati insomma, con due impronte talmente diverse da far sembrare il disco una forzata saldatura tra due stili inconciliabili: un dualismo che comunque non rappresentò un problema, almeno finché il gruppo fu sotto l’egida di Elio Gariboldi. Quando questi però fu chiamato a lavorare alla CBS tedesca lasciando la band in mano a Bob Lumbroso, già produttore del cantante melodico Sandro Giacobbe, le cose cambiarono radicalmente.

Preferendo di gran lunga il lato “leggero” del disco infatti, Lumbroso precluse ogni spazio all’avanguardia: pretese dalla Triade canzoni melodiche e sia Coccimiglio che Nobile se ne andarono sbattendo la porta.

A questo punto sarebbe stato sufficiente trovare un altro produttore, ma le continue tensioni interne al gruppo, specie tra Tino e Giorgio – che Vincenzo doveva sempre mediare, spesso con un certo fastidio - minarono definitivamente la stabilità della band.
Oltretutto, col passare del tempo si erano anche acuite alcune diversità caratteriali che stavano lentamente ma inesorabilmente emarginando Sodano, ritenuto molto più “timido” dagli altri due.

Coccimiglio comunque, seguitò a gravitare nel mondo musicale come ricercatore, docente e musicista di piano bar, occupazione quest’ultima svolta anche da Tino Nobile.
Verso la fine del 1974 ebbe anche una proposta di entrare nei Dik Dik, ma non accettò lasciando il posto a Joe Vescovi, ex tastierista dei Trip e all’epoca allora appena uscito da una breve collaborazione con gli Acqua Fragile.

Diciamo quindi che almeno due terzi dei Triade raccolsero ancora molte soddisfazioni dopo lo scioglimento della band, ma certamente a molti ascoltatori resta ancora l’amaro in bocca per non aver dato un sequel a “Sabazio” che pur nel suo status di nicchia, avrebbe meritato almeno un erede.

triade la storia di sabazioNell’ottobre del 2011, John JJ Martin diventato nel frattempo amico di Coccimiglio, lo spronò a rifare una nuova versione di “Sabazio”, risvegliando non solo il suo entusiasmo, ma soprattutto l’interesse della BTF di Matthias Scheller che in una mail privata del 28/10/11 a JJ si dimostrò molto interessato alla proposta:

Puoi dire a Vincenzo di farsi vivo, se le cose sono in linea con i nostri prodotti possono certamente interessarmi. Inoltre, mi fa piacere in ogni caso salutare un protagonista di quel periodo che tanto amiamo.” disse Matthias.

Secondo Vinny poi, il progetto avrebbe dovuto anche coinvolgere il suo amico Marco Migliari della Real World di Peter Gabriel che avrebbe potuto occuparsi della parte tecnica e che tra l’altro, aveva già collaborato con Scheller.
La storia però non ebbe un seguito. Nel mese di dicembre, sopraggiunte disfunzioni ematiche costrinsero Vinny ad operarsi d’urgenza e a lottare duramente per la propria vita, perdendo purtroppo la battaglia il 28 gennaio 2012.
La storia di Sabazio” nella sua versione del 1972, resterà quindi per sempre un’opera unica.

Un caro abbraccio a Patrizia, a Franco Piri Focardi e a tutti coloro che dai Triade hanno astratto tutta quella gioia e quella voglia di vivere che loro hanno sempre voluto trasmettere.
L’abbraccio più grande però va a Vinny: il nostro dolce angelo custode del Rock Progressivo Italiano che tutti sappiamo, non ci abbandonerà mai.

19 commenti :

Anonimo ha detto...

Allora vediamo un pò di ricordare. Il primo disco del prog italiano che aquiastai fu Salvadanio, poi in sequenza Collage-Il tempo della semina- e non ricordo poi se prima Felona e Sorona e poi la Triade o il contrario. Per farla breve fu una delle prime cose del prog italiano che ho ascoltato nella notte dei tempi. Assurdo no?

Andy

JJ JOHN ha detto...

Assurdo, ma no perchè? Io credo che tra i miei primi 33 giri c'erano "E Pluribus Funk" dei Grand Funk Railroad, e il primo dei "T.Rex", affiancati da "Love Story" e "Enzo Jannacci".
Questi ultimi due, ovviamente, perchè piacevano a mia mamma... Avevo 8 anni!
-
Senti, ma Triade ce l'hai in vinile? Se "si" e "se ce l'hai ancora", com'è oggi lo stato della copertina?

Anonimo ha detto...

Dimentichi la mia età caro JJ, vuoi che 13 anni fa trovavo ancora questo ben di dio? Parlo di cd ovviamente. Però se non ricordo male ce l'ha il mio amico supercollezionista che ieri grazie a me ha comprato una copia russa di In the Wake Of Poseidon a soli 30 euro.

Andy

adriana ha detto...

hola amigos, por razones ajenas .El Camaleon cambia la url.

anotar la nueva url por favor .

http://elcamaleongallego6.blogspot.com/

si te interesa, podemos intercambiar enlaces

un abrazo a todos



hello friends, for reasons beyond .El Camaleon change the url.

note the new url please.

http://elcamaleongallego6.blogspot.com/

if you're interested, we can trade urls

a hug to all

JJ JOHN ha detto...

Grazie Adriana: non ti conosco ancora, ma devo dire che il tuo blog è veramente notevole. Lo consiglio a tutti i lettori di Classic Rock
-
Uma pergunta Adriana: voçe gosta de Camel? :-)))

dizaon ha detto...

JJ tu si che sei un poliglotte !!! :-) salut

taz ha detto...

Sabazio è ancora dapertutto/ ricco di profondità/ vede con sei occhi un Universo...Poi un giorno si potrebbe aprire "una chiacchierata" sulle più belle copertine degli anni 70...Avrebbero potuto suonarlo tutti e nessuno...troppe tastiere nella prima parte e poi usate con lo "stesso" motivo...sembra un disco che anticipa la fine del progressive...quindi tra i primi a prendere quella strada...ciao

J.J. JOHN ha detto...

"Sembra un disco che anticipa la fine del progressive..."
Davvero Taz, sembrerebbe così.
Meno male che "Sabazio" fu un disco talmente amatoriale da non influire per nulla sul resto del movimento.
-
La chiaccherata sulle copertine più belle del prog italiano mi sembra un'idea assolutamente magnifica.
Bisogna vedere come concretizzarla perche gli items sono veramente tanti.

Anonimo ha detto...

Ottimo album. La suite è stupenda e ben arrangiata,sembrano i Nice.

giody54 ha detto...

anni fa trovai la musicassetta dei Triade in un mercatino,mi piacquero parecchio,li conoscevo di nome per aver visto la pubblicita' del disco su Ciao 2001,cosi' mi comprai anche il CD della Vinyl Magic,che oggi non si trova piu'

Anonimo ha detto...

Ho scoperto questo sito per caso e sono letteralmente inebriato. Complimenti !!! Solo a pensare che a metà anni novanta ho gestito un negozio che vendeva solo progressive...!!! E le chicche che sono girate non ho prprio parole.
Sabazio ??? Già proprio lui 3 copie.
Una perfetta (copertina e disco) una discreta e una Japan.
Sono stato collezionista e di solo prog mondiale avevo oltre 2000 titoli !!! Tutto venduto... :-(

Poco fa avevo letto riguardo i Semiramis. Beh... gli originali della copertina e dell'interno, (intendo i quadri) li ho ancora a casa.
Un caro saluto

Anonimo ha detto...

Hai avuto anche il mitico le stelle di schifano?

J.J. JOHN ha detto...

Insomma, eri un mito allora e lo sei anche adesso. Davvero ammirevole.
Grazie.
A proposito, perchè non ci racconti qualche aneddoto sulla Triade?
Classic Rock fa oltre 25.000 shots al mese e credo che molti lettori sarebbero interessati a qualche dettaglio in più su di voi.
Aspetto tue. JJ

Anonimo ha detto...

Elio Gariboldi, il nostro produttore fu chiamato alla CBS tedesca e ci lasciò nelle mani di Bob Lumbroso, prod. di Giacobbe! Voleva canzonette e lo mandammo.....
Io me ne andai. Ho una lacca di un pezzo di Sabazio.......
Vinny Coccimiglio

DogmaX ha detto...

Effettivamente c'è una differenza enorme tra il lato A e il B... sembrano due album diversi!

aliante ha detto...

Giusto tributo a Vinny e ai Triade che hanno realizzato uno dei miei album preferiti del prog italiano.

A me non disturba la contrapposizione tra il classicismo prog del primo lato e la varietà di stili del secondo.

La suite è fantastica, una delle migliori del prog italiano, secondo me più depositaria del suono "Nice" che "ELP", però stemperata da quel gusto mediterraneo che solo noi avevamo.

Mi piacerebbe sapere come è stato ottenuto quel suono di violoncello o di basso con archetto che si sente nella suite.

Sarà mica il Mellotron?

Grazie John.

A te Vinny grazie per le belle emozioni che ci hai lasciato.

J.J. JOHN ha detto...

Si, più probabilmente il Mellotron che non un prototipo dell'EST. Dovrei risentirmi il dettaglio delle mie conversazioni con Vinny in cui lui ne parla. Di sicuro incisero in tre senza alcun turnista: quindi archi naturali non ce n'erano.

Tra l'altro Elio Gariboldi, davvero, fece loro ponti d'oro.

Creò la Derby apposta per i Triade e tutto (dico tutto!) quello che gli chiedevano gli veniva dato.
E non solo mellotron, hammond, gong, amplificazione, filtri e quant'altro, ma persino i "rimborsi spese" sui cappuccini e le brioches! E non è uno scherzo!

Vinny litigò persino con Giorgio perchè quest'ultimo a momenti metteva nei recuperi spese persino i cornetti della colazione...

Poi "Sabazio" venne come venne perchè a gestirlo c'era il fonico di Mina che era bravissimo, ma non aveva mai lavorato sul prog in vita sua.
A detta di Vinny lui manovrava orchestre impressionanti, ma quando si trovò davanti a tre ventenni che suonavano come diavoli ebbe parecchi problemi.

Ora basta perchè a parlare troppo di queste cose mi sento un po' così... devo farlo per gradi.

Magari un giorno vi farò un regalo e sbobinerò l'ultima intervista di Vinny. Per ora no. Mi piacerebbe, ma proprio non ce la faccio.

aliante ha detto...

John, ti ringrazio infinitamente per questi aneddoti sui Triade.

Mi rendo conto che non è facile per te affrontare certi argomenti dopo la recente scomparsa di Vinny, però nonostante tutto l'hai fatto e questo, se mai ce ne fosse bisogno, mette ancora una volta in luce la tua grande generosità.

Io lo prendo come un regalo.

Grazie di cuore John.

Massy Biagio ha detto...

Complimenti, complimenti, complimenti.
Blog bello e pieno.. complimenti..
Se Ti interessa sto facendo un lavoro simile ma a livello molto più 'onniscente'.. ... e superficiale, ovviamente già da un pò di anni qui: CANZONI ITALIANE - ITALIAN SONGS