Ha vinto "Io sono nato libero"

A un mese esatto dalla primavera si è concluso anche il tormentato sondaggio di Febbraio. Ha vinto "Io sono nato libero", seguito a corto muso da "Darwin" e inequivocabilmente terzo, il "Salvadanaio".

Io credo che sia stata espressa una preferenza "matura" e attendibile, per quanto il primo album del Banco contenesse delle tracce davvero seminali.

E' un voto che denota insomma un certo "spirito di riflessione" rispetto ad una novità sconvolgente (il primo Lp, appunto) per premiare invece quegli albums che rappresentarono allo stesso tempo l'evoluzione e la piena coscienza del gruppo.

Se "Banco del Mutuo Soccorso" fu effettivamente un vero terremoto nella musica Italiana, voi lo avete momentaneamente "congelato" con quel giusto pizzico di diffidenza: cosa peraltro normale di fronte alle grandi innovazioni.
In altre parole: in tempi di meteore com'erano i primi anni '70, occorreva fare molta attenzione a sbilanciarsi.
Invece, per "Darwin", e "Nato libero"i votanti si sono sciolti in un apprezzamento reale ed indistinto.
"Nato libero" ha vinto (pur di misura) perché è l'album delle conferme: il BMS ha dimostrato con quel disco di essere sia una band musicalmente ineccepibile, sia un kernel di artisti estremamente sensibile al sociale, al politico e alle pulsioni di tutte le fasce di pubblico.
Il tutto, con un linguaggio pulito, raffinato e chiaro nella sua particolare esposizione.
Come sempre: grazie davvero a tutti per essere stati al gioco.

TORNA ALLA PAGINA DEI SONDAGGI

12 commenti :

URSUS ha detto...

Tra quelli che hanno votato il vincitore ci sono anche io,per un motivo di affezione particolare:uno dei primi concerti importanti che vidi all'epoca erano proprio IL BANCO che presentava "Io sono nato libero",durante un pomeriggio al teatro Alfieri...e di spalla c'erano addirittura gli ODISSEA (bravissimi!)
inoltre un brano come "Non mi rompete" è veramente rimasto nella storia,in qualunque epoca lo riascolti è pur sempre attualissimo,intramontabile.

Antonio ha detto...

Festeggio nel mio piccolo perchè io ho votato Nato Libero, per la bellissima Canto Nomade sopra tutte (una delle tracce più belle di tutto il progressive, ineccepibile soprattutto nella prima parte). Sostanzialmente la classifica finale rispecchia in pieno o quasi la mia visione della carriera del Banco. Salvadanaio innovativo ma non così tanto affascinante (belle alcune idee, ma gli sviluppi sono ancora acerbi e logorroici), Darwin e Nato Libero invece sono una coppia notevole di album di ottima caratura, due perle del Prog Italiano. La domanda ora, John, è su cosa sarà il nuovo sondaggio? :-)

J.J. JOHN ha detto...

Evviva "Nato Libero" quindi?
Vero, URSUS?
Detto tra noi, l'ho votato anch'io ma con una punta di rimorso verso Darwin che reputo splendido.
Il Salvadanaio era torrenziale ma forse aveva bisogno di conferme...chissà?
-
Caro ANTONIO, per il sondaggio di Primavera che ne dici di:
"Qual'è la copertina più bella del Prog italiano?"
Mi sembra una bella idea ma devo vedere come "metterla giù" perchè i concorrenti sono veramente tanti.
-
Vorrei anche sentire qualche apologia da parte del "partito del Salvadanaio". Coraggio ragazzi: difendete le vostre scelte!

Anonimo ha detto...

Io farò ricorso al tar.

Andy

taz ha detto...

Il disco "Salvadanaio" per me resta, soprattutto per un primo disco, un'impronta importante sul prgressive al pari di "Storia di un minuto" della pfm...R.I.P rimane d' un impatto travolgente con la suite Il giardino del mago(vero capolavoro da etichetta BMS))...era il loro primo lavoro!!!!..dico io..troppo facile poi fare Darwin(poche idee..ripetitive e senza quei voli del primo disco..)e soprattutto Io sono nato libero senza essere passati per Salvadanaio...Cmq Io sono nato libero è il vero capolavoro che chiude il cerchio...anche se io sono affezzionato al Salvadanaio...fare un primo disco di una tecnica così e cantato "già" cosi da Big Francesco....poco da dire.ciao

Antonio ha detto...

Non male come idea, John, quella delle copertine. Io parteciperò volentieri, ovviamente. La buttò lì, prima o poi, un bel "migliore brano del Progressive italiano"? O magari un "miglior suite" o migliore "brano esteso" (per esempio oltre i 10 minuti...) insomma, ne hai per un bel pò di mesi :-)

Arcygatt ha detto...

Io ho votato "Salvadanaio", e spiego il perchè:
-eccezionale come disco d'esordio
-enorme impatto sul panorama musicale del tempo
-veste grafica azzeccatissima
Poi, passando alla considerazione ultima e definitiva, Salvadanaio presenta dei pezzi con testi meravigliosi, fuori dal tempo, atmosfere intimistiche o ai limiti del violento, alternanza di brevi assaggi musicali a brani molto impegnativi, senza mai perdere quella sua sognante unitarietà che lo rende una perla rara del panorama progressive. L'esempio nel confronto tra il Giardino del Mago e Canto Nomade: la prima mantiene sempre costante il filone instrospettivo del disco e lo esplica nelle musiche senza mai perdere di coerenza; la seconda invece è rivolta all'esterno, se vogliamo anche più superficiale (è una provocazione, ovviamente) ed è eccessivamente frammentata: le parole finiscono prima di un terzo della canzone: questo è essere prolissi, molto più che nella precedente suite.

J.J. JOHN ha detto...

Forse Acygatt era proprio la comunicatività, il "rivolgersi all'esterno" come dici tu, che ha premiato "Nato Libero"

MarioCX ha detto...

Oddio!
I dichi del Banco sono da mia madre, non gli ho sotto gli occhi ed è un po' che non li sento...ma se "Io sono nato libero" è l'album de "Canto Nomade Di Un Progioniero Politico" e "Non Mi Rompete" (dovrebbe, dovrebbe) sono perfettamente d'accordo con l'esito del sondaggio!
Scusate se non vado a ravanare nei siti, ma stasera ho pochissimo tempo!!!

Anonimo ha detto...

Ed è proprio sulla comunicatività che sollevo dei dubbi: o si è schietti, oppure se si devono elaborare pezzi da dieci minuti è meglio essere aulici. Poi resta un'opinione personale, il dato oggettivo è che anche Io Sono Nato Libero è un album straordinario.

Marco alias Arcygatt
(anonimo perchè sennò non mi pubblica)

nina_garbo ha detto...

Le classifiche le rispetto ma il Banco va apprezzato per aver creato un suo genere nell'ambito del prog e allora come si può dimenticare: Come in un'ultima cena e soprattutto ... di terra?

JJ JOHN ha detto...

Non li abbiamo dimenticati anzi, ne parleremo eccome.
Questo sondaggio però riguardava solo i primi tre album.
Tu per esempio, cosa avresti votato?