Il miglior LP delle Orme.
Ha vinto Felona e Sorona

sondaggio le ormeDear Sisters and Brothers,
com'era prevedibile, il sondaggio su quale fosse il miglior lavoro delle Orme, ha incoronato senza mezzi termini Felona e Sorona con ben 1/3 delle preferenze.
I votanti sono stati 180 (una media di 6 al giorno quindi) di cui 26 hanno espresso valutazioni multiple, per un totale di 206 voti.
Una vittoria, dicevo, che non sorprende.
L'album vincitore è in effetti quello in cui si equilibrano meglio tecnica e poetica e possiamo dire sia stata la vera cartina al tornasole del gruppo.
Non è forse il più trasgressivo ma, a mio modo di vedere, è sicuramente il lavoro meglio ponderato: i tecnicismi sono limitati al necessario e bene inseriti nel contesto musicale; le liriche sono totalmente asservite alla narrazione, lasciando da parte polemiche e sermoni.
Onore dunque a Felona e Sorona.

Al secondo posto, Collage (21,84%) batte di un'incollatura Uomo di pezza (20,87%) segno che, tra i due gregari, è stato preferito quello meno compromissorio tra il Pop e il Prog.
La freschezza di Collage, pur venata da qualche ingenuità stilistica, ha avuto la meglio sulla complessità, forse troppo accentuata, del terzo album.
Un risultato targato "Classic Rock" che per esempio, si distanzia molto da un giudizio come quello di Gaboli e Ottone (edizioni Giunti) che separano i due lavori in ben'altra proporzione dando a Collage ben 4 stelle e a Uomo di pezza solo due stelle e mezzo.

le ormeSorprende sicuramente il 4° posto di Smogmagica che con l'11,17% delle preferenze si distanzia equamente sia dal 3° che dal 5° posto occupando da solo la sua posizione.
Il disco all'epoca lasciò scontento non solo il pubblico, ma anche lo stesso Pagliuca che pare non lo ricordi volentieri: è evidente che tra i nostri lettori, o c'è una parte più "Rock" che "Classic", o ci sono molti fans di Tolo Marton!

Chiude la classifica un altro blocco separato da appena lo 0,49%: Contrappunti (6,80%) e Ad Gloriam (6,31%).
A parte il comprensibile sgradimento di Contrappunti, album ideologico e terribilmente manierista, dispiace per l'ultimo posto dell'album d'esordio che in fondo, era il primo e coraggioso tentativo di espandere il verbo psichedelico nella sfera commerciale.
Forse però, va bene lo stesso. Del resto, se ci pensiamo, con questo accorpamento avete punito due estremi della discografia delle Orme: l'eccesso di ingenuità da un lato e l'eccessiva macchinosità dall'altro.

Credo che avremo modo di parlare ancora di questo risultato e nel frattempo, grazie davvero a tutti per aver votato e per il consueto affetto che dimostrate per Classic Rock!
Alla prossima. JJ

TORNA ALLA PAGINA DEI SONDAGGI

19 commenti :

Francesco ha detto...

Ero indeciso se votare Felona e Sorona o Collage poi ho pensato a quale dei due stravolse di piu il modo di fare musica.
Io ho votato collage, perchè ha portato in italia musica di matrice inglese.
Comunque mi ha sconvolto pure a me il 4° posto di smogmagica, un disco che trova buoni momenti giusto nella splendida "Amico di Ieri".
Ciao Francesco

URSUS ha detto...

Io sono tra i pochi che ha votato AD GLORIAM,poichè per conto mio parlare di "svolta epocale" vuol dire risalire alle origini di un movimento culturale e sonoro...tutti gli altri successivi secondo me sono solo la conseguenza:dischi molto interessanti e piacevoli,ma perfettamente calati nel contesto di un movimento prog già affermato a livello globale e nazionale,di fatto di album simili a "Felona" nel 1973 ce n'erano anche altri,mentre nel 1968 di simile ad AD GLORIAM c'erano solo gli epigoni anglosassoni,in Italia poco o nulla (come ben si vede nella lista fatta da John riguardo gli anni tra il 67 e il 69) e quindi a parte il gusto personale (io sono psychedelico nel DNA) trovo che AD GLORIAM sia la vera svolta epocale,per lo meno in patria.

Dario ha detto...

Bellissima analisi, John.
Condivido a pieno il giudizio su Felona e Sorona (che io ho votato) e anche quello su Uomo di Pezza.
Quest'ultimo è un album migliorabile, ma davvero non merita solo le 2 stelle e mezzo di Gaboli e Ottone.

Un saluto.

J.J. JOHN ha detto...

Ursus... chissà come mai ma ci avrei scommesso un rene che avresti votato Ad Gloriam!
-
Ciao Dario! In effetti Gaboli e Ottone ogni tanto dicono delle "scaruffate".

Francesco ha detto...

ahah scaruffate

Dario ha detto...

:-D Libera nos a Scaruffo!!!

Anonimo ha detto...

la universal ha pubblicato uno splendido cofanetto (11 cd) con tutti gli album delle orme (prezzo da libidine: intorno ai 45€)
ciao

giuseppe

J.J. JOHN ha detto...

Sembrerebbe un'offerta vantaggiosa.
Sono 4,09 euro ad album ma solo se acquistati in blocco.
In realtà, a mio avviso, qualunque Cd antecedente agli anni '80 non dovrebbe costare più di cinque euro.
Si parla di trent'anni fa, no so se mi sono spiegato...

Anonimo ha detto...

I have voted for 'Felona e Sorona', too =) Though the lyrics were fully written in Italian, the album has been considered as one of the masterpiece of progressive rock for all time - even at English-biased prog communities(progarchieves.com, for example). In addition, this is second favourite Le Orme's album for my friends including ex girl friend.
(First one is... of course, 'Florian'! I know that they love romance and caffe' rather than prog rock x)

Cool survey as always! Ciao~ ^^ --- da Corea, libertan

JJ JOHN ha detto...

Hy brother Libertan, you are always so nice!
Probably the English community quoted "Felona and Sorona" because of it's english version translated by Peter Hammill of Van Der Graaf Generator.

"Florian", you know, is a cafè in Piazza San Marco in Venice.
The record is nice but warning!
An expresso cofee at Florian can cost you ten times more than in a ordinary italian bar :-)

Abbraccio. JJ

Anonimo ha detto...

Il mio voto è andato a Felona e Sorona, album che ho ascoltato tantissime volte da ragazzo, insieme a collage e uomo di pezza.
Le orme son il gruppo che mi ha fatto avvicinare al progressivo italiano.

Crescendo mi son reso conto, però, ke in italia abbiamo avuto di meglio.....area banco e battiato su tutti....e le orme son pian piano passate, nella mia personale classifica, in secondo piano.

Ho sempre avuto però un'ammirazione per Dei Rossi, grande batterista autodidatta, uno dei migliori qui da noi in Italia, almeno per quel ke riguarda i 70.

per me comunque le orme rimangono un buon gruppo, con due buoni album all'attivo (collage e felona) e qualche altro album piacevole (verità nascoste, storia o leggenda e florian).

alex77

Anonimo ha detto...

Batteristi italiani? Capiozzo, Capiozzo, Capiozzo!!!!

Anonimo ha detto...

Bè, ringraziando, di grandi batteristi in italia ne abbiamo avuti tanti. Anche Furio Chirico, Di Cioccio, Golzi del Museo Rosenbach, Biriaco, Stinga del Balletto di Bronzo, Marangolo, ecc., oltre ai già citati Capiozzo e Dei Rossi.....mica male, eh? alex 77

J.J. JOHN ha detto...

L'anonimo probabilmente sapeva che io ero amico di Giulio (di cui il 23 agosto del 2010 cadranno i dieci anni dalla sua dipartita - L'anno prossimo, tutti a Cesenatico quindi!).
Tutti i batteristi che hai citato tu Alex, erano superlativi ma, quando mi si ricorda Giulio, divento di colpo sordo e sentimentale.
Un abbraccio. JJ

Anonimo ha detto...

Incredibile, già dieci anni. Mi ricordo di aver visto Capiozzo con gli Area nel 1997, ospiti di qualche trasmissione, mentre presentavano l'album 7991 Chernobyl....forse da red ronnie....però non ricordo bene....

Capiozzo, rimane un grandissimo, con il suo tocco etnico, ha contribuito all'originalità del musica regalataci dagli Area.

Per me rimane immortale, come demetrio....

alex77

UGO ha detto...

SAPETE QUAL'è IL "VERO"CAPOLAVORO DELLE ORME?IL 45 GIRI DEL 1973(MA INCISO NEL 69)VALE A DIRE "CONCERTO N.3/BLUE RONDò A LA TURK E IL DISCO + RARO?SEMPRE UN 45 DEL 70 DAL TITOLO"IL PROFUMO DELLE VIOLE/I RICORDI+BELLI"UGO

J.J. JOHN ha detto...

Dici davvero? Sei sicuro? Ma lo hai ascoltato bene? Secondo me Brubeck si gira nella tomba.

Io quoto invece "Fiori e Colori / Lacrime di Sale".
D'accordo, era Beat e non era prog, ma all'epoca ci voleva un bel coraggio.
Stesso discorso per "Brennero '66" dei Pooh.
Una poetica straordinaria.
Quando vado in Alto Adige quelle campane mi mettono ancora oggi inquietudine e curiosità.

u g o ha detto...

per le orme sulla valutazione ne son sicuro perchè ho cercato a lungo quel 45(il profumo delle viole)e lo trovai da un tuo caro amico(alessio marino quello di boutique 67)tuttavia lacrime di sale manco scherza mentre quello dei pooh brennero pure vale parecchio e condivido i brividi che mi procura quel brano dei pooh....a proposito dei pooh.........ma si appena ne avrai un pò di tempo....!ugo

u g o ha detto...

amico di ieri.....immensa distesa....per me il vero capolavoro di smogmagica resta LOS ANGELES brano che da solo vale tutto il disco e poi mi piacciono pure i due strumentali vale a dire "LASERYUM FLOYD" e "LAUREL CANYON"d'accordo nel primo brano scopiazzano i pink floyd del disco WISH YOU WERE HERE che era uscito qualche mese prima mentre il secondo brano risente della matrice rock-blues del nuovo arrivato TOLO MARTON un artista mai apprezzato a dovere!di lui ho solo TOLOQUARANTASUONATI e non è affatto spregevole...ugo