Capsicum Red: foto d'epoca

pooh red canzian
MAURO BOLZAN, BRUNO "RED" CANZIAN, PAOLO STEFFAN, ROBERTO BALOCCO (circa 1972)

16 commenti :

MarioCX ha detto...

Perbacco!
Mai vista questa foto forse anticipabile al 1971...certo che Red sembra quasi una fanciulla.
Non è difficile incontrare simili lineamenti nel trevigiano, evidentemente il dna della zona è quello.
Salut!

claudio65 ha detto...

Bellissima foto. Considerato che di questa band foto se ne trovano pochissime. Il buon Canzian, all'epoca, amava look molto "glam". Come ha rivelato Dody Battaglia in un'intervista televisiva, quando Red si presentò alla CGD insieme ai Pooh per la prima volta, portava capelli lunghi fino in fondo alla schiena, pantaloni di colore rosso, stivaloni altissimi ed una pelliccia bianca legata in vita da una cintura. Appena Lucariello lo vide, disse: "Che sia bravo, ci credo senz'altro. Ma così conciato sul palco non ci va." Così nacque un altro Red Canzian, bassista (prima era chitarrista) e dal look meno aggressivo. Comunque, sempre grande strumentista. Paolo Steffan, con in testa un cappello da pittore (era ed è un ottimo pittore, tra l'altro), è riconoscibilissimo. Chissà gli altri due (Balocco e Bolzan), che fine hanno fatto ? Magari J.J. lo sa.

Anonimo ha detto...

Beh, insomma, Canzian, Bolzan, Steffan, Balocco.... Cazzo... più veneti di così non si puo'... non lo avevi detto anche tu JJ?????

Anonimo ha detto...

Infatti sono tutti veneti! quindi pronunciare doverosamente tutti con l'accento sulla A SteffAn BolzAn CanziAn e BAlocco

JJ ha detto...

Claudio 65. Mi sovviene anche un'intervista a Stefano D'Orazio quando ricordava il provino di Red: "arrivò truccato, con stivali altissimi, credo rossi. Una pelliccia enorme di non so quale bestia. Un tipo strano insomma. Però, appena lo sentimmo suonare e parlare capimmo che era uno di noi".
Red a proposito disse: "Si OK, ero un po' più rock di loro ma ci trovammo".

Tra l'altro, cari amici, ho riascoltato proprio oggi "Appunti per un'idea fissa". Non so... era davvero bello secondo voi?

frank ha detto...

commistioni rock/classica mi lasciano sempre un po' perplesso.... i capsicum secondo me sono tra i pochi a riuscire nell'intento, senza risultare troppo stucchevoli e/o pesanti.... "appunti..." è un gran bel disco!

MarioCX ha detto...

Mah...certo un capolavoro non è.
Però è un disco gradevole e anche le "canzoni" non sono male. Una di quelle (non ricordo quale) ispirò poi il brano "Il suo tempo e noi" in Rotolando Respirando. Il primo dei Pooh firmato anche da Canzian.

claudio65 ha detto...

"Appunti per un'idea fissa" è un disco molto affascinante nel lato A per quella commistione un po' impervia di classico e rock che sa di vero prog inglese. Il problema è che la qualità del suono è molto scadente, appare "piatto", con una dinamica davvero scarsa. Il lato B con alcune belle canzoni, è gradevole e facilmente ascoltabile, ma non è più un vero disco di Prog. Secondo me, "Rabbia e Poesia" è un brano vicino allo stile dei Pooh dell'epoca (e forse non è un caso che Red sia poi andato con loro: già ne sentiva gli influssi ...). Anche nel lato B, ci sono problemi di registrazione, con la voce (di Steffan?) che si sente a volte lontana e non ben in sintonia con le parti strumentali.
La mia modesta opinione di profano è che, forse, quel disco doveva essere inciso con più mezzi e più budget. Durante una recente intervista al programma "Supermax" di Rai Radio 2, Red Canzian ha rivelato di progettare una riunione dei Capsicum Red per registrare di nuovo il disco. Non ne ho più saputo nulla, però. Magari, sarebbe interessante capire se questo progetto "prog" si realizzerà.

claudio65 ha detto...

"Appunti per un'idea fissa" è un disco molto affascinante nel lato A per quella commistione un po' impervia di classico e rock che sa di vero prog inglese. Il problema è che la qualità del suono è molto scadente, appare "piatto", con una dinamica davvero scarsa. Il lato B con alcune belle canzoni, è gradevole e facilmente ascoltabile, ma non è più un vero disco di Prog. Secondo me, "Rabbia e Poesia" è un brano vicino allo stile dei Pooh dell'epoca (e forse non è un caso che Red sia poi andato con loro: già ne sentiva gli influssi ...). Anche nel lato B, ci sono problemi di registrazione, con la voce (di Steffan?) che si sente a volte lontana e non ben in sintonia con le parti strumentali.
La mia modesta opinione di profano è che, forse, quel disco doveva essere inciso con più mezzi e più budget. Durante una recente intervista al programma "Supermax" di Rai Radio 2, Red Canzian ha rivelato di progettare una riunione dei Capsicum Red per registrare di nuovo il disco. Non ne ho più saputo nulla, però. Magari, sarebbe interessante capire se questo progetto "prog" si realizzerà.

claudio65 ha detto...

"Appunti per un'idea fissa" è un disco molto affascinante nel lato A per quella commistione un po' impervia di classico e rock che sa di vero prog inglese. Il problema è che la qualità del suono è molto scadente, appare "piatto", con una dinamica davvero scarsa. Il lato B con alcune belle canzoni, è gradevole e facilmente ascoltabile, ma non è più un vero disco di Prog. Secondo me, "Rabbia e Poesia" è un brano vicino allo stile dei Pooh dell'epoca (e forse non è un caso che Red sia poi andato con loro: già ne sentiva gli influssi ...). Anche nel lato B, ci sono problemi di registrazione, con la voce (di Steffan?) che si sente a volte lontana e non ben in sintonia con le parti strumentali.
La mia modesta opinione di profano è che, forse, quel disco doveva essere inciso con più mezzi e più budget. Durante una recente intervista al programma "Supermax" di Rai Radio 2, Red Canzian ha rivelato di progettare una riunione dei Capsicum Red per registrare di nuovo il disco. Non ne ho più saputo nulla, però. Magari, sarebbe interessante capire se questo progetto "prog" si realizzerà.

claudio65 ha detto...

POST SCRIPTUM: chiedo venia se il mio precedente commento è arrivato ... triplo. Ma, in Italia, la banda larga, come la Matematica, è un'opinione ....

Marco Verpelli ha detto...

La matematica è una religione, ed è l'unica che può dimostrare di esserlo.

ugo ha detto...

una volta c'era UGOUGO adesso ci sta claudio al cubo aaahhhhhhh! scusa ma mi cvien da riderci su!

claudio65 ha detto...

Quella che la Matematica è un'opinione era solo una battuta (sono Ingegnere e ben so il valore scientifico di questa disciplina, anche se la religione è altra cosa rispetto alla Scienza). Purtroppo, il problema della banda larga, in Italia, non è un'opinione.
Ritornando ai Capsicum Red, confermo quello che spesso ho detto nei miei commenti: avercene al giorno d'oggi di gruppi così! Mentre scrivo, sto ascoltando Arrow Head degli Osage Tribe, un gruppo dove Canzian ha militato per pochi mesi in attesa di entrare nei Pooh. Anche quelli sono bravi ed il loro rock "indiano" suona benissimo!

AnalogueSound ha detto...

Da sx verso dx: Bolzan, Canzian, Steffan, Balocco. ;)

J.J. JOHN ha detto...

Grazie AnalogueSound, rettificato!

Comunque, per restare in tema: riascoltavo qualche giorno fa "Appunti per un'idea fissa" e devo dire che col tempo mi impressiona sempre meno. Voglio dire: è straordinario per essere un disco italiano del 72, ma onestamente non è uno di quelli che porterei sulla proverbiale "isola deserta".